lunedì 31 dicembre 2012

Tiramisù Dukan



il tiramisù dolce al cucchiaio vecchio come il mondo, la leccornia dell'infanzia, ma sempre un successo quando lo si offre ... nella versione Dukan il gusto non viene per nulla offuscato dal taglio calorico
Vediamo come prepararlo
per la base
3 tuorli
3 albumi montati a neve
dolcificante
6 CM di crusca d'avena
3 CM di crusca di frumento
3 cucchiai di yogurt Total
12gr di lievito Paneangeli
aroma vaniglia
Allora battete i tuorli finché diventano cremosi e bianchi incorporate lo yogurt, l'aroma e poi le crusche tritate finemente. Per finire incorporate delicatamente gli albumi a neve. Versate il composto in varie riprese in un contenitore tupperware 14x14 e cuocetelo nel microonde per 4 minuti e 30 secondi mettete i vari strati di pandispagna su una gratella a raffreddare e preparate la crema.
per la crema
2 tuorli
2 albumi
200gr di philadelphia balance oppure linessa
100gr di total 0%
aroma rum
dolcificante
Battere due tuorli di uova preferibilmente fresche con il dolcificante in polvere. In un'altra ciotola lavorare con una frusta elettrica il philadelphia balance con 100gr di total 0% in modo da farlo diventare cremoso aggiungere al composto di tuorli aromatizzare con 1/2 fialetta di rum e miscelare bene. A parte montare gli albumi ed incorporare alla crema di formaggio. Preparare del caffè (4 tazze) dolcificare, aggiungere la 1/2 fialetta di rum avanzata e lasciar raffreddare.
A questo punto abbiamo tutto l'occorrente per assemblare il dolce.
Con il caffè bagniamo il pandispagna senza esagerare per evitare di fare la zuppetta; stendiamo uno strato di crema, spolveriamo con cacao magro e procediamo in questo modo fino ad esaurimento del pandispagna e della crema. Riporre in frigo per tutta la notte. Al momento di servire spolverare la superficie con del cacao magro in polvere.

giovedì 27 dicembre 2012

Rollè di tacchino farcito


il mio secondo piatto per il giorno di Natale:
Rollè di tacchino ripieno

Un kg di fesa di tacchino tagliata a libro
Per il ripieno 
300 gr di macinato misto di vitello/manzo
2 salsiccette di tacchino
2 cucchiaiate di noci tritate
1 cucchiaio di uvetta
4 prugne secche denocciolate
4 albicocche secche
Ho amalgamato il macinato con le salsiccette profumando con erbe provenzali, aromatizzato con del pepe nero e salato; ho aggiunto la frutta secca sminuzzata e quella essiccata ridotta a pezzetti; steso il ripieno sulla fesa di tacchino, ho arrotolato e legato con spago da cucina; messo in forno preriscaldato con un rametto di rosmarino fresco e della salvia a 200° C per 10', ho abbassato la temperatura a 180° e lasciato cuocere per altri 40 minuti. Una volta raffreddato l'ho tagliato a fette.



Torta di grano saraceno farcita ai frutti di bosco


Ravioli al nero di seppia

Per la sfoglia 
4 uova
360/400gr di farina integrale
2 bustine di nero di seppia
Per il ripieno 
200gr di gamberi e mazzancolle
150gr di calamari eviscerati
2 cucchiai di ricotta magra
sale
pepe
prezzemolo
Per il sugo:
polpa di pomodoro
pesce lucerna
sogliola
una seppia
un calamaro
frutti di mare
Sciogliere nelle uova il nero di seppia. Per ogni uovo usare poco meno di 100gr di farina ed eventualmente aggiungerne ancora verso la fine. Formare una palla e metterla a riposare per una trentina di minuti.
Nel frattempo preparare il ripieno immergendo i gamberi, le mazzancolle e i calamari per pochi minuti in acqua bollente, spezzettarli finemente e rosolarli in poco olio con uno spicchio d'aglio in camicia. Togliere l'aglio e aggiungere al trito due cucchiai di ricotta magra. Spolverare con pepe e salare leggermente.
Riprendere l'impasto; tagliarlo in pezzi e stenderlo ricavando delle sfoglie larghe 10/12 cm circa; adagiare a cucchiaini il ripieno a qualche cm dal lato esterno; ripiegare la sfoglia su se stessa avendo cura di eliminare l'aria che potrebbe rimanere inglobata all'interno e con una rotellina dentata ricavare dei rettangoli; fissare i lati dei ravioli con i rebbi di una forchetta avendo l'accortezza di non bucare la sfoglia.
Per la salsa far rosolare l'aglio con un cucchiaio di olio evo aggiungere la seppia ed il calamaro quindi il pesce lucerna, poi la sogliola e per ultimi i frutti di mare sbollentati e sgusciati. Aggiungere il pomodoro e lasciar cuocere.






Ravioli integrali ricotta e spinaci

Per la pasta
Farina integrale 400gr
5 uova piccole 4 se medio/grandi
qualche cucchiaio di acqua tiepida
Per il ripieno 
400gr di ricotta di pecora
spinaci lessati e strizzati
noce moscata
pz di sale
Preparazione
Impastare in una ciotola la farina con le uova e se necessario aggiungere qualche cucchiaiata d'acqua tiepida; non appena gli ingredienti risulteranno amalgamati, trasferite la pasta su una spianatoia e lavoratela una decina di minuti; formate una palla e lasciatela riposare un'oretta circa in frigo.
Nel frattempo preparare il ripieno:
cominciamo dalla ricotta che andrà messa in un colabrodo a drenare; lavare e lessare gli spinaci; scolarli e lasciarli raffreddare; quindi strizzarli con le mani in modo da privarli dell'acqua in eccesso e tagliuzzateli finemente; in una ciotola lavorate la ricotta con noce moscata grattugiata e pochissimo sale ed aggiungerla agli spinaci.
Riprendere l'impasto; tagliarlo in pezzi e tirare delle sfoglie larghe 10/12 cm circa; adagiare a cucchiaini il ripieno a qualche cm dal lato esterno; ripiegare la sfoglia su se stessa avendo cura di eliminare l'aria che potrebbe rimanere inglobata all'interno e con un taglierino da cucina ricavare dei rettangoli; fissare i lati dei ravioli con i rebbi di una forchetta avendo l'accortezza di non bucare la sfoglia.





giovedì 20 dicembre 2012

Sachertorte versione Dukan

Sachertorte Dukan
ingredienti per la base
3 tuorli
3 albumi 
100 ml panna al 5% (io ho sostituito con 80 gr di formaggio bianco e 20gr di panna di soia) oppure quark tipo bon fresh oppure formaggio magro del tipo Insigny St. Mere
dolcificante in polvere adatto alla cottura
30 gr Cacao amaro magro
vaniglia bourbon
una fava Tonka grattugiata (altrimenti aroma cioccolato)
un misurino da 20 ml di liquore strega
30 gr crusca d'avena
20 gr glutine
40 gr latte scremato in polvere
30 gr Maizena
1 bustina di lievito Paneangeli
Preriscaldate il forno a 160°. Montare i tuorli con il dolcificante finché non diventano bianchi; aggiungere quindi la panna o il formaggio magro ed amalgamare; aggiungere il liquore; riducete la crusca d'avena in polvere e versatela in una ciotola; miscelare il glutine e la maizena fino ad avere una polvere omogenea e setacciare nella crusca; aggiungere il latte scremato in polvere, il cacao, la vaniglia, la polvere di Tonka ed il lievito, sempre setacciando. Un po' alla volta unite gli ingredienti in polvere al composto di tuorli; quando tutto è ben amalgamato, aggiungete gli albumi montati con un pz di sale a neve ferma, sempre al solito con movimenti delicati dal basso verso l'alto. Trsferite il composto in una tortiera debitamente rivestita di carta forno e cuocete per 30' io l'ho lasciata altri 10' nel forno spento ad asciugare.

Per la bagna
preparate uno sciroppo mettendo a bollire 100ml di acqua in cui avrete diluito dell'aroma rum e alcune gocce di tic.
Una volta raffreddata la torta dividetela trasversalmente in due dischi e bagnateli con lo sciroppo

Per la gelatina alla pesca
4 fogli di colla di pesce
400ml di acqua
2 bustine di tè alla pesca e maracuja della Twinings
dolcificante
Mettete in ammollo la colla di pesce in acqua fredda per 5'; preparate il tè aromatizzato alla pesca, dolcificatelo e immergetevi i fogli di colla di pesce fino a completo scioglimento. Versate la gelatina sulla base della torta, ricoprite con l'altro disco e lasciate raffreddare.

Per la glassa di copertura
cacao amaro magro
acqua
dolcificante a gusto

preparare un cioccolato all'acqua con 42 grammi di cacao magro ovvero 6 cucchiai (quindi 6 tollerati) mettete in cacao il una ciotola e aggiungete il tic con qualche cucchiaio di acqua bollente e miscelate fino ad avere inizialmente una pasta di cioccolato; aggiungete quindi acqua bollente poco alla volta fino ad avere una densità tale da poter ricoprire il dolce; ponete la torta su una gratella e disponete su un piatto dove si raccoglierà la glassa in eccesso; versate la glassa e lisciatela con una spatola riscaldata; lasciar raffreddare a temperatura ambiente e riporre in frigo.

mercoledì 19 dicembre 2012

Zuppa di scarola bianca e crema di cannellini


Rivisitazione di una piatto della tradizione popolare: la Zuppa di scarola e fagioli; facile, nutriente ed economico
Ingredienti
250gr di fagioli lessati

250gr di scarola 
aglio 
rosmarino
Io ho lessato e passato i fagioli non tanto per ridurli in crema, quanto per evitare di mangiare la pellicina causa per me di gonfiore intestinale; fate in saporire i fagioli in casseruola con spicchio d'aglio e rosmarino; aggiungete la scarola lavata e scolata, aggiungete acqua e brodo granulare e lasciate cuocere il tutto finché la verdura non risulti morbida. Condite con un cucchiaio di olio a crudo e gustate.


martedì 18 dicembre 2012

Spezzatino di cinghiale


In una ciotola capiente, marinare per qualche ora il cinghiale con vino bianco, cipolla, porro, scalogno, rosmarino, alloro e maggiorana. Scaldare una casseruola mettere le cipolle della marinatura in tegame e lasciarle cuocere un pochino, quindi aggiungere la carne e farla rosolare su tutti i lati; aggiungere i pomodori pachino a pezzetti irrorare con qualche cucchiaiata di liquido della marinatura allungato con un bicchiere d'acqua; coprire la pentola con un coperchio e lasciate cuocere per un paio d'ore controllando di tanto in tanto. Morbidissimo.

Marble cake

Marble cake o torta marmoizzata
dalla crociera in poi per 3 giorni tollerati 2 maizena (in fase di attacco si può sostituire con un cucchiaino di guar) e cacao (in fase di attacco si può utilizzare il caffè istantaneo in polvere)
6 cm di crusca d'avena
3 cm di crusca di frumento
1 cucchiaio colmo di maizena
dolcificante
2 uova intere e 2 albumi
1 yogurt 0,1% aromatizzato alla vaniglia
1/2 bustina di lievito paneangeli
1 bustina di vanillina
2 cucchiaini di cacao magro
un pizzico di sale
Preriscaldiamo il forno a 200°
Dividere i tuorli dagli albumi; montiamo a neve ben ferma questi ultimi (sono 4 in totale ma ho preferito montarli separatamente) e teniamoli da parte.
Con una frusta elettrica battiamo i tuorli con l dolcificante fino ad ottenere un composto cremoso poi aggiungiamo lo yogurt e lo incorporiamo quindi passiamo ad aggiungere le crusche ridotte in farina. la maizena, la vanillina ed il lievito. Amalgamiamo bene.
dividiamo il composto in due parti uguali e ad una delle due ciotole aggiungiamo il cacao e se necessario uno o due cucchiai di latte scremato liquido.
A questo punto riprendiamo gli albumi e delicatamente mescolando dal basso verso l'alto, li incorporiamo ai due composti; li versiamo nella tortiera rivestita di carta forno alternandoli
Inforniamo ed abbassiamo la temperatura a 150° cuocendo per 45 minuti. Trascorso il tempo spegniamo il forno e lasciamo il dolce per altri 30 minuti.

Torta integrale di mele con crusche d'avena e frumento

Qualche giorno fa ho acquistato delle ottime mele renette e gira che ti rigira le ho intortate ...
le ricette possibili sono milioni di milioni ogni casalinga o pasticciera di alto rango ha la sua miscela .... io ho utilizzato farina integrale, evitato l'agiunta di grassi ed alleggerito lo zucchero sostituendolo con Diabel forno (dolcificante per diabetici) ... provatela e saprete dirmi .... anche chi non è a dieta mugolerà di piacere.

Ingredienti
4 mele renette
2 uova intere
dolcificante Diabel (Giusto) adatto per la cottura in forno
80gr di amido di mais
90gr di farina integrale


40gr di crusca d'avena
20gr di crusca di frumento
aroma vaniglia 
aroma burro
cannella in polvere
dolcificante 
1 bicchiere di latte di soia Valsoia Light (a basso tenore di grassi)
2 cucchiai colmi di yogurt bianco 0%
1 bustina di lievito per dolci
Preriscaldare il forno a 160°
Polverizzate le crusche nel frullatore; miscelatele insieme agli altri ingredienti in polvere (maizena e farina integrale) compreso il lievito; setacciare il tutto in una ciotola; da parte battere le uova con yogurt e dolcificante (5 cucchiai); miscelare, con un cucchiaio di legno, il composto di uova con il mix di farina, aggiungere il latte fino ad avere un composto cremoso e denso; infine, unire le mele a fettine lasciandone a sufficienza per guarnire la superficie.
Cuocere per 45-50 minuti. Sarà pronta allorché lo stecchino non risulterà umido.


sabato 15 dicembre 2012

Zuppa di soia gialla e zucchine




L'inverno è la stagione per le zuppette di verdure e legumi .. per questa apparentemente semplice pietanza, ho iniziato il giorno prima lasciando in ammollo per 12 ore la soia gialla, dopiché, il giorno successivo l'ho risciacquata, lessata con una cipolla, un rametto di rosmarino, sedano e carote per un'ora .... nel frattempo, in padella antiaderente, ho fatto andare un pochino di porro affettato sottilmente con acqua e brodo granulare, aggiunto le zucchine, le ho profumate con maggiorana, pochissima menta, spolverizzate con pepe bianco e pepe nero, e le ho lasciate cuocere senza disfarle; in un tegame ho riscaldato la soia scolata con un po' di brodo di pollo sgrassato, ho aggiunto le zucchine e lasciato insaporire; impiattato ed aggiunto a crudo un cucchiaio di olio evo.


Crema di funghi e silk tofu con bresaola croccante

Oggi giornata uggiosa e fredda ... ci voleva qualcosa di caldo ....
Crema di funghi e silk tofu con bresaola croccante
250gr di funghi champignon
150gr di silk tofu
latte di soia q.b. 
spicchio d'aglio se preferite anche porro
prezzemolo
50gr di bresaola ridotta a listarelle
Ho cotto i funghi in padella velocemente, li ho aggiustati di sale e pepati; quindi, ne ho tenuti 2 cucchiai da parte ed ho li ho ridotto i restanti in crema con il minipimer ad immersione, aggiunto il silk tofu con un paio di cucchiai di latte di soia e lasciato addensare la crema sul fuoco; ho riscaldato una padella antiaderente e abbrustolito le striscioline di bresaola; ho versato la crema in una ciotola da minestra, aggiunto un pizzico di noce moscata grattugiata, ancora del pepe, una spolverata di prezzemolo e guarnito con alcuni funghetti che avevo tenuto da parte e la bresaola croccante.

mercoledì 12 dicembre 2012

Tacchino rosè

Si avvicinano le tanto agognate festività di Natale e mai come in questi giorni che le precedono, dobbiamo tenere d'occhio l'alimentazione per poterci concedere qualche "sgarro" nel giorno di Natale Cosa di meglio della carne di tacchino? Alto contenuto proteico e pochi grassi sono un connubio perfetto; tuttavia, per quanti non amano la carne di tacchino e proprio non sanno come renderla appetibile,  propongo questa ricetta superfacilissima ... ecco cosa occorre


Fesa di tacchino 200gr (a persona)
un pompelmo
1 spicchio d'aglio
aceto di mele
rosmarino fresco

Prendete le fette di fesa di tacchino e mettetele a marinare nel succo di un pompelmo rosa, uno spicchio d'aglio un cucchiaino di aceto di mele, un rametto di rosmarino; scaldate ben bene la padella antiaderente, mettete le fettine a rosolare ed aggiungete il liquido della marinatura fino a ad asciugarlo. Impiattate e gustate


Shirataki salsa alla curcuma, radicchio e speck croccante




Come ogni domenica mi cimento nella cucina degli shirataki ... per evitare di venire accusata di totale asocialità mangio anch'io, come la maggior parte delle persone, una (pseudo) pasta.
Per questo piatto (1 porzione) ho utilizzato
1/4 quarto di radicchio trevigiano lungo

60gr di speck cipolla
2 cucchiai di 
vino rosso 
yogurt greco 0,2% in sostituzione si presta dello spalmabile light (linessa) o panna di soia
brodo granulare q.b.
In padella ho lasciato sobbollire la cipolla affettata con un pochino d'acqua; una volta ammorbidita, ho aggiunto il radicchio tagliato a striscioline; ho sfumato con del vino rosso e lasciato cuocere; quindi ho messo a bollire l'acqua con una puntina di brodo granulare; ho immerso per 7 minuti gli shirataki; sotto il grill del forno ho fatto abbrustolire lo speck tagliato a dadini; infine ho composto il piatto scaldando leggermente in padella lo yogurt (se preferite la linessa oppure 2 cucchiai di panna di soia) in cui ho diluito la curcuma e ripassato gli shirataki: li ho impiattati e sopra ho distribuito il radicchio e lo speck.

venerdì 7 dicembre 2012

Caprese alle mandorle per il pasto della festa

Sono perfettamente consapevole che questa caprese alle mandorle e cioccolato fondente, sia l'anti-dukan al quadrato .... forse dopo la quarta fase, una fettina la si potrà gustare a colazione o all'ora del tè senza sensi di colpa e senza timore di ingrassare ... purtuttavia, in questa giornata grigia, al solo riguardare l'immagine di questa torta realizzata l'inverno scorso, mi si è scaldato il cuore! Volete la ricetta per far danni nel pasto festa???
Eccola qui .... una torta senza farina nè lievito adatta anche agli intolleranti al glutine.
Andiamo a procurarci gli ingredienti:
- 250gr di burro (io ho usato il burro chiarificato Prealpi ma, per alleggerire, si può sostituire con quello light della Giglio al 41% di MG)
- 200gr di zucchero (utilizziamo la quantità equivalente di Stevia cristallizzata per ridurre le calorie)
- 2 tavolette da 100gr di cioccolato fondente (con zuccheri all'11%) ridotto a pezzettini
- 300 gr di mandorle in busta già sgusciate e tritate grossolanamente
- 5 uova medie (tuorli separati dagli albumi)
- un bicchierino di Liquore Strega
Avete tutti gli ingredienti sul tavolo? ok!! ... e adesso si prepara!!!!
Mettere in una ciotola il burro a cubetti lasciato ammorbidire a temperatura ambiente con metà dello zucchero e lavorarlo a crema; aggiungere quindi i tuorli, uno alla volta, amalgamandoli bene; battete con un frullatore elettrico fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea; mettete un bicchierino di strega ed amalgamarlo; unite le mandorle; da parte, montate a neve gli albumi con la metà avanzata dello zucchero ridotto a velo ed incorporateli delicatamente con movimenti dal basso verso l'alto senza smontarli; quindi aggiungete i pezzetti di cioccolato fondente; trasferite il composto in teglia rivestita con carta forno; livellatelo ed infornate a 180°C per un'ora; estrarre dal forno e lasciar raffreddare completamente prima di sformare. Spolverate con zucchero a velo al momento di servire.

giovedì 6 dicembre 2012

Crackers di tofu


Nel mio periodo vegetariano risalente agli anni '90 scoprii il tofu alimento formidabile ... tuttavia prima di quest'anno ancora non ne conoscevo ancora le infinite possibilità d'impiego e versatilità in cucina oggi un panetto è finito in questi crackers buonissimi ... che dirvi se non di provarli ... semplici da preparare ... pronti in mezz'ora

1 panetto di tofu 120-140gr
1 uovo

1 cc di lievito per focacce
20gr di maizena

latte q.b.
sale (regolatevi secondo il vostro gusto)
rosmarino
Frullare il tofu, aggiungere l'uovo ed il lievito; quindi la maizena ed il latte q.b. a formare una pastella liquida. Salare ed aggiungere rosmarino. Versare la pastella sulla leccarda del forno rivesita di carta forno, livellare bene ed infornate a 180°C; a metà cottura (circa 10 minuti) quando la pastella avrà la consistenza di una frittata, tagliate a strisce orizzontali e verticali in modo da ricavare dei rettangoli regolari; lasciar cuocere fino a doratura  per altri 10-15 minuti). Girateli sull'altro lato e fate asciugare sotto il grill pochi minuti ancora


mercoledì 5 dicembre 2012

I Tortiglioni di Zia Angela

I tortiglioni di zia Angela in versione Dukan per la terza fase

50gr farina integrale (da utilizzare al posto dei 50gr di pane integrale)
20gr di farina di soja degrassata (1 tollerato)
1 uovo intero
dolcificante in polvere (l'equivalente di 30gr di zucchero)
aroma vaniglia a volontà
1/4 di una bustina di cremor tartaro e una puntina di bicarbonato per attivarlo
3 gr di cacao amaro magro
15 ml di olio d'oliva (potete evitarlo usando un cucchiaio di formaggio bianco e se occorre un cucchiaio di latte scremato liquido)
Miscalate farina integrale, farina di soja lievito, bicarbonato. Su una spianatoia disponete la miscela in polvere a fontana versate nel buco l'uovo, l'olio (oppure formaggio) dolcificante, aroma. Formate un panetto; dividetelo in modo da avere 2/3 di impasto bianco ed 1/3 impastatelo con il cacao. Fatto ciò ricavate sei salsicciotti allungati e arrotolateli uno intorno all'altro a formare una spirale. Schiacciate un pochino e mettete su una placca da forno rivestita di carta adatta alla cottura ed infornate a 160° per 20-25 minuti fino a che non risultano dorati. Tirate fuori dal forno tagliate il tronchetto a fettine diagonali ed otterrete dei tozzetti. Lasciate raffreddare e riporre in scatola di latta

Biscotti all'aroma di nocciola

Biscotti alle due crusche aromatizzati alla nocciola
Ingredienti per 4 gg
1 uovo
3 cucchiai di latte in polvere
80gr di crusca d'avena
20gr di crusca di frumento
10gr di proteine in polvere
3 cucchiai di maizena
80gr di formaggio bianco
aroma nocciola
1 cucchiaino di cacao
Versare gli ingredienti in polvere, eccetto il latte scremato in polvere, in una ciotola. Aggiungere formaggio e uovo e mescolare con una forchetta
Aggiungere a questo punto il latte scremato in polvere (che darà un effetto brinato) fino ad ottenere un palla (come pasta frolla).
Avvolgere nella pellicola e lasciar riposare in frigo per 1 ora
Trascorso il tempo riprendere l'impasto metterlo su carta forno stenderlo con il mattarello fino ad avere uno spessore di 4 mm. Tagliare la pasta con una tagliabiscotti. Preriscaldare il forno a 180° mettere i biscotti su una placca rivestita di carta per la cottura e cuocere per 20' coprendo con un foglio di alluminio se la superficie inizia a colorarsi troppo. Terminato il tempo di cottura rimuovere il foglio di alluminio e lasciar asciugare i biscotti.

Pan de leche



per quelle che vanno sempre di fretta e dicono di non essere abili in cucina, le sfido a provare il pan de leche .... un panino-brioche-bignè morbidissimo che si prepara in 5 minuti e cuoce in 10 minuti ed ecco come si fa ... Attenzione: questo cibo crea dipendenza
Pan de leche

Ingredienti (per due giorni o per 2 persone)
1 uovo
60gr latte scremato in polvere
1cc di lievito in polvere
Aroma burro
Aroma vaniglia
Dolcificante q.b.

Preparazione:
Sbattere l'uovo con dolcificante; aggiungere latte in polvere e lievito e mescolare con energia e velocemente. Versare in uno stampo in silicone. Cuocere in forno a 180 º C dopo 10 minuti verificate lo stato della cottura e se necessario lasciate dorare la superficie col grill per 5 minuti.
Io ho diviso il composto in 2 e ho utilizzato gli stampini dei muffin

Briochine del Generale

Le briochine del Generale così sono state ribattezzate da vari sostenitori del regime dukan nelle varie pagine facebook dedicate alla cucina, queste brioche di glutine ....dopo mesi riscuotono ancora un ampio successo perché buone come il pane e facili da realizzare! da provare assolutamente ....
P.S. occhio a quando le sfornate ve le potrebbero terminare i vostri amici e parenti in un batter di ciglio ... una tira l'altra!

Briochine di glutine

Ingredienti
250 grammi Quark
60 grammi glutine di grano
40 grammi maizena
20 grammi latte in polvere
1 cucchiaio tic
1/2 bustina di lievito paneangeli
aroma vaniglia
aroma burro
aroma croissant

Procedimento

Miscelare gli ingredienti in polvere in una ciotola fino ad avere una polvere bianca omogenea
Aggiungete il quark con dolcificante ed aromi impastare con le mani fino ad ottenere una palla; lasciar riposare per 30 minuti coperta con un canovaccio. riprendere l'impasto e ricavarne delle sferette che metterete distanziate su una placca debitamente rivestita di carta forno. Cuocere in forno già caldo a 180° per 30 minuti. Una volta sfornate spolverate del latte scremato in polvere sulla superficie oppure stevia in polvere

Vellutata di spinaci e ceci con calamari

Stamattina, mossa da un timido raggio di sole mi sono recata a far compere al mercatino settimanale ... con il giubbottino estivo con cui solitamente vado in barca! hmmmm .... ogni tanto sospetto che il mio cervello sia popolato da folletti! bene dopo aver preso anche un pochino di pioggerella sono rientrata a casa che mi sarei buttata nel camino al posto della legna e mi sarei data fuoco .... che fare? ho rimediato con questa .... vi piace? 
Vellutata di spinaci e ceci con calamari
150 gr di spinaci lessati e frullati 
200gr di ceci lessi dei quali 150 passati al mixer e 50 lasciati interi
un piccolo calamaro (io avevo da parte i tentacoli e le alette)
mezza cipolla 
uno spicchietto d'aglio
un rametto di rosmario
Mettere la cipolla in padella ad appassire con acqua; aggiungere il passato di ceci ed i ceci interi con una tazzina d'acqua, lasciarli insaporire aggiungendo anche dell'aglio schiacciato ed il rosmarino dopo 5' aggiungete il calamaro tagliato a pezzetti e il frullato di spinaci, Cuocete 10' minuti finché i calamari non siano cotti. Servire con un cucchiaino di olio a crudo.

martedì 4 dicembre 2012

Insalatina orientale con tofu alla griglia


oggi di rientro da palestra, dopo la mia solita ora di corsetta che mi compete nei giorni pari della settimana proprio non mi andava di rimettermi a sfornellare per preparare "dukatessen" troppo elaborate ... dopo una rapida ma illuminante rivista al frigo mi è caduto l'occhio sulla busta di insalata mix piccante marchio Carrefour (lattughino verde e rosso, rucola, radicchio rosso tondo), sulla confezione di songino e sul finocchio ... bene le verdure son sistemate con cosa accompagnarle? ... ma ovvio!!! un panetto di tofu affettato e grigliato al volo e condito con una spruzzata di salsa di soia 

Come presentare l'arrosto in modo "scenoso"


proteine e verdure all in one!!!!!!!

Con l'avvicinarsi del Natale, chi è a dieta non può permettersi di perdere colpi cedendo agli stravizi di ben tre giornate consecutive ed equivalenti a ben 5 pasti festa senza sosta .... come difendersi? per il giorno di Natale, si potrebbe preparare un secondo piatto gustoso e leggero adatto a tutti anche ai vostri eventuali ospiti e familiari non a dieta .... per le istruzioni eccovi il link ... la carne di tacchino può essere sostituita degnamente dalla carne di vitella e come accompagnamento degli sformatini di spinaci light in cui ho utilizzato la crusca ma, se voleste ometterla, fatelo pure perché non compromette il gusto.

Arrosto di fesa di tacchino


Arrosto di fesa di tacchino
cottura: 2h 
Ingredienti per 4 persone
1kg di arrosto di fesa di tacchino
3 cucchiai di vino bianco
erbe provenzali

un rametto di rosmarino fresco
3 foglie di alloro
cipolla
brodo magro granulare
1 bicchiere di latte di soja 
1 cucchiaio di senape 

Mettere in casseruola la cipolla a fettine con acqua e brodo granulare lasciar cuocere finché non sia morbida; aggiungere la fesa e farla rosolare su tutti i lati; sfumare con vino bianco aggiungere gli aromi, il rametto di rosmarino e l'alloro; non appena il liquido sarà asciugato quasi completamente aggiungere il latte di soia allungato con acqua. Coprire la casseruola con un coperchio e lasciar cuocere sorvegliando, finché non abbia assunto un ben colorito. Spegnere e lasciar raffreddare. Il giorno seguente affettare l'arrosto, mettetelo a scaldare in padella con un po' di acqua calda quindi irrorate la carne con il fondo di cottura che avrete messo da parte il giorno prima.


Sformatino di spinaci


non vi piacciono le verdure? così di sicuro!


Ingredienti per 3 sformatini  
250gr di spinaci
un uovo
2 cm di crusca d'avena

1 cm di crusca di frumento
1 cucchiaio di ricotta al 6% di grassi
sale q.b.
pepe
noce moscata
Lavare gli spinaci e metteteli ad appassire a fiamma bassa in padella antiaderente senza aggiunta di grassi. Una volta cotti, tagliateli sottilmente; unite l'uovo, sale, pepe, noce moscata, ricotta e infine le crusche. Versate il composto in stampini da muffin in silicone o di alluminio usa e getta, ed infornare a 180°C per 25-30 minuti.


lunedì 3 dicembre 2012

Cheesecake in versione light





- per la base
180gr gallette iposodiche Panmonviso
80gr di burro light Linessa
cannella
- per la crema
600gr di philadelphia balance
un vasetto di yogurt naturale (altrimenti 100 ml di panna Meggle light 3,5% MG)
2 uova ed un tuorlo
una bustina di vanillina
2 pz di sale
20gr di maizena
succo di 1/2 limone
poche gocce di Tic
Sbriciolare i biscotti mescolarli con un cucchiaino di cannella e aggiungere il burro precedentemente fuso a bagnomaria e lasciato raffreddare
In una teglia rivestita di carta forno, formate un fondo con il composto di biscotti schiacciandolo bene con l'aiuto di un cucchiaio. Riporre infrigo per un'oretta.
Nel frattempo preriscaldare il forno a 180°C e preparare la crema di formaggio.
Battere le uova con il dolcificante e la vanillina; aggiungere il formaggio e lavorare fino ad avere una crema liscia ed omogenea. Aggiungere quindi, il succo di limone, la maizena, il sale (2pz) ed in ultimo il vasetto di yogurt, sempre mescolando.
Tirare la teglia dal frigo, versare la crema, livellarla; infornare a 180° per 30 minuti, poi abbassare la temperatura a 160° per altri 30-40 minuti. Se la superficie del cake dovesse scurirsi troppo, dopo i primi 30 minuti, coprire con un foglio di alluminio. Terminata la cottura, spegnere il forno, e lasciar riposare il cheesecake per altri 30 minuti all'interno con la porta semiaperta. Una volta raffreddato a temperatura ambiente, porre il dolce in frigorifero per almeno 6 ore prima di servirlo; si gusta meglio il giorno dopo. 



SHIRATAKI ai carciofi e curcuma


SHIRATAKI ai carciofi e curcuma
dose per 1 persona



3 noodles di shirataki 
2 carciofi
2 cucchiai di
 formaggio spalmabile light (tipo linessa o phildelphia balance)
2 cucchiai di latte di soia
cipolla
prezzemolo
curcuma (oppure zafferano)
brodo granulare magro

Lessare in acqua bollente uno dei due carciofi; una volta cotto scolarlo, lasciarlo raffreddare e frullarlo; mettere della cipolla affettata in un padellino antiaderente con del brodo granulare ed acqua e farla cuocere fino a che non sia morbida; aggiungere il cuore dell'altro carciofo tagliato sottilmente e lasciarlo andare in padella per una decina di minuti; aggiungere la crema di carciofo, un cucchiaino di curcuma, 2 cucchiai di formaggio spalmabile ed il latte di soia che spegne un po' il gusto amarognolo del carciofo e l'acido del formaggio spalmabile oltre ad amalgamare il tutto. Da parte in una casseruola bollire l'acqua per gli shirataki con aggiunta di curcuma; immergere gli shirataki per 7 minuti, risciacquare sotto l'acqua corrente, scolare tenendo da parte un pochino dell'acqua di cottura; infine ripassare gli shirataki in padella aggiungendo acqua se necessario. Impiattare e spolverate con prezzemolo tritato.

venerdì 30 novembre 2012

Petto di pollo al cartoccio


Ancora pollo!!! quando si dice "scoprire l'acqua calda" ... Ho acquistato questo bel petto di pollo ma invece di affettarlo come al solito, ho pensato di cuocerlo intero al forno senza ridurlo in stoppa ...  molto semplicemente l'ho avvolto in alluminio con fette di limone ed un rametto di rosmarino ed infornato a 150°C per un'oretta (il peso era di un chilogrammo o poco meno) ... una volta raffreddato l'ho affettato stile roast beef ed una metà l'ho conservata in freezer per le situazioni di emergenza e due porzioni da 250gr ciascuna le ho consumate così: ho fatto rinvenire il pollo in acqua calda in cui ho  diluito un pizzico di brodo granulare magro l'ho impiattato e servito con una salsa cremosa di peperoni e cipolla precedentemente cotti in padella la seconda porzione l'ho servita con un paio di cucchiaiate di crema di verdure fatta in anticipo con broccoli siciliani, zucchina, cipolla, carota, sedano, finocchio, funghi champignon e rametto di rosmarino il tutto passato col frullatore ad immersione.

giovedì 29 novembre 2012

Pane di farro integrale



Pane di farro integrale
350 gr complessivi di farina di farro integrale
acqua - sale - olio - lievito di birra
Ingredienti per il cosiddetto “fondo”:
50 gr di farina di farro
25 gr di acqua
1 gr di lievito secco di birra
Ingredienti per l’impasto: 
300 gr di farina di farro
130 gr di acqua
3 gr di lievito secco di birra
30 gr di olio evo
5 gr di sale
Procedimento:
Prima di tutto impastate in una tazza gli ingredienti per il fondo e lasciate riposare per 8 ore. Dopodichè disponete a fontana la farina, mettete al centro il lievito di birra e il fondo e impastate con l’acqua. Dopodichè aggiungete l’olio e il sale e impastate ancora. Fate lievitare in una ciotola coperta da un canovaccio bagnato fino al raddoppio dell’impasto. Accendete il forno a 220°, fate cuocere il pane per 10 minuti, abbassate la temperatura a 180° e lasciate cuocere per 30'